Loading color scheme

Come affrontare i Traumi Oculari

Come affrontare i Traumi Oculari
Come affrontare i Traumi Oculari

L’omeopatia ci mette a disposizione una serie di medicinali utilissimi che possono essere utilizzati in situazioni di emergenza.
In particolare consideriamo tutte quelle situazioni che possono succedere in ambiente domestico, di gioco o lavorativo e che possono portare a traumi oculari dai più semplici ai più complessi.

Il trauma all’occhio sia esso di natura semplice o perforante non deve mai essere sottovalutato, per questo è assolutamente necessario approfondire per escludere qualsiasi danno all’occhio recandosi dallo specialista oculista di fiducia o al pronto soccorso oculistico.
Nell’attesa della valutazione medica si possono utilizzare medicinali omeopatici di primo intervento per alleviare la sintomatologia, diminuire l’infiammazione ed evitare o limitare eventuali ematomi nella zona oculare o perioculare.

I traumi oculari colpiscono tutte le fasce di età, in particolar modo i bambini sono a rischio durante le attività di gioco, mentre gli adulti specialmente in ambito lavorativo o domestico, possono colpire la zona perioculare, la superficie dell’occhio oppure arrivare fino alla retina.
Quando parliamo di traumi il medicinale omeopatico d’elezione è sicuramente l'ARNICA MONTANA.
Arnica Montana è un medicinale omeopatico di origine vegetale, è una pianta perenne della famiglia delle Composite, che cresce soprattutto nei pascoli di montagna. Arnica è indicata in qualsiasi tipo di trauma e si consiglia di utilizzarla il più presto possibile per limitare dolori ed ematomi. Si consiglia di assumere subito una dose in globuli e proseguire con 5 granuli ogni ora diradando le assunzioni al miglioramento.
Arnica si può benissimo alternare ai rimedi specifici per i singoli eventi traumatici che sono descritti in seguito.
Un frequentissimo tipo di trama oculare può essere dovuto per esempio ad una pallonata o ad un pugno, quindi verrà percepita la sensazione di occhio dolorante e in seguito all’impatto tutto il contorno dell’occhio apparirà nero. Quindi per ecchimosi traumatiche violacee o nerastre perioculari il rimedio consigliato è LEDUM PALUSTRE.
Ledum Palustre o Ledo delle paludi è un medicinale omeopatico di origine vegetale ed è un arbusto che cresce nelle zone umide dell’Europa, dell’Asia e dell’America. E’ quindi un rimedio indicatissimo in caso di ematomi perioculari da trauma.

Se consideriamo un trauma vascolare dell’occhio il rimedio d’eccellenza è HAMAMELIS VIRGINIANA. L’occhio apparirà di color rosso intenso. Frequentemente si tratta di emorragia capillare causata dalla rottura di un capillare oculare. Hamamelis Virginiana è un medicinale omeopatico di origine vegetale ed è un albero della famiglia delle Amamelidacee che cresce nelle foreste umide dell’America del Nord. E’ quindi un rimedio indicatissimo per tutti i casi di emorragie di origine venosa sottocongiuntivali e oculari.
In tutti questi casi è consigliato intervenire velocemente a fronte dell’evento traumatico per lenire il dolore, impedire la formazione dell’ematoma o comunque favorirne il riassorbimento. La diluizione può variare dalla 9 alla 30CH da valutare per ogni singolo caso e le somministrazioni devono essere abbastanza frequenti, quindi 5 granuli da sciogliere sotto la lingua ogni 30 minuti per le prime due ore diradando fino a 2-3 volte al giorno in base all’andamento clinico.

Un trauma di minor entità e gravità è l’occhio arrossato dopo eccessivo affaticamento visivo, quindi può manifestarsi dopo un eccessivo lavoro davanti a tablet, smartphone, pc, dopo aver letto testi scritti molto in piccolo o in seguito ad esposizione dell’occhio a luce intensa. In questo caso il medicinale omeopatico consigliato è RUTA GRAVEOLENS.
Ruta Graveolens è un medicinale omeopatico di origine vegetale ed è specifico per l’affaticamento visivo, in questo caso è consigliato associare un collirio a base di EUPHRASIA OFFICINALIS e CHAMOMILLA VULGARIS con azione lenitiva, antinfiammatoria e idratante da usare al bisogno anche più volte al giorno.

Dott.ssa Elisa Vidali

0
0
0
s2smodern